Da Marrakech alla stazione degli autobus di Marrakech è una corsa giornaliera a Merzouga, che inizia alle 08:00 e arriva a destinazione alle ore 21:00.

La stazione degli autobus si trova fuori dalla Supratours moderna zona di Marrakech, vicino alla stazione ferroviaria ONCF, nella famosa Avenue Hassan II.

– Da Fez: Fes alla stazione degli autobus c’è un viaggio giornaliero per Merzouga che inizia alle 20:30 pm ed arriva a destinazione alle 7:15 del mattino seguente.

Visto di ingresso è consentito l’ingresso senza visto per soggiorni turistici di una durata massima di tre mesi. Per motivi di lavoro, di studio, ecc .. è necessario ottenere il relativo visto, da richiedere ad un ufficio diplomatico / consolare marocchino presente in Italia. Passaporto e carta d’identità E ‘necessario il passaporto, valido.

Solo se si è in gruppi turistici di almeno 8 persone sono autorizzati a entrare in Marocco con la carta d’identità valida per l’espatrio.

Link utili:

Ufficiale del turismo del Marocco

Sito Ambasciata italiana in Marocco.

Embassy of Morocco in Rome

Feste e Manifestazioni in Marocco
Fine marzo – Feste e Manifestazioni in le dune di Merzouga
Maratona delle Sabbie: Uno dei più difficili maratone al mondo, il suo viaggio a Ouarzazate inizia e termina nel deserto.
Primo Maggio – Festa delle Rose, Kelaa M’Gouna
nella valle delle rose, feste si svolgono per tre giorni per la fine del raccolto delle rose, berberi musica dal vivo.
Metà giugno – Gnawa Festival di Essaouira
festival di musica tribale africana e il Marocco.
Mediadios luglio – Festival di Gnawa in Khamlia
incontrare la gente delle città del deserto in cui le tribù di Gnawas vi invitano a mangiare e si esibiscono in danze e rituali di protezione.
Metà luglio – Festival Nazionale delle Arti Popolari a Marrakech
dal 2005 riconosciuto dall’UNESCO come Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Si svolge nelle migliori zone della città, tra cui i giardini Menara, Palm, Palacio El Badi.
Fine luglio – Festival di arte e musica di Asilah
dove si può godere il murale colorato con gli artisti decorano le case bianche della medina.
Metà settembre – Festa delle nozze, Imilchil
festa curiosa con musica dal vivo e canzoni in cui le donne berbere e gli uomini si uniscono in un rituale appariscente.
Fine Ottobre – Festa della data, Erfoud
il popolo della regione si incontrano in uno dei luoghi più affascinanti del Marocco, dune di Merzouga, e anche godere di concorrenza tradizionale cammello.
Tra novembre e dicembre – Festival Internazionale del Film di Marrakech
la città divenne una settimana marocchino a Cannes.
Città imperiale dal marocco
Fes: Fondata nell’anno 808 da Idriss II, Fès è la città imperiale più antica. All’inizio fu un centro commerciale ma subito dopo il IX secolo divenne un centro culturale. Oggi è la capitale culturale del Marocco, e’ qui che si vedono e si ammirano i souk e le gallerie (Kissarias).
Da visitare : la moschea di Karaouines e la sua Università, la più antica del mondo; la Medersa Mesbahia, una vecchia scuola importante per la sua architettura tradizionale. Alla sera, interessante la passeggiata nelle Kissarias, quartiere adatto allo shopping e nel souk degli artigiani e dei tappezzieri che fabbricano direttamente i loro prodotti.

Marrakech: Fondata alla fine del IX secolo dagli uomini velati venuti dal Sahara, Marrakech è la seconda città imperiale. E’ conosciuta come la “Perla del Sud”. I visitatori apprezzeranno la bellezza dei suoi famosi monumenti e le tombe decorate che accolgono i resti dei monarchi delle antiche dinastie. Molto interessanti i mercati, le piazze, lo scintillio dei colori nella città totalmente rossa e ocra, attorniata da un lato da palmeti e dall’altro da oliveti.
Da visitare : Djamaa ed Fnaa, la grande piazza dove danzatori, maghi, acrobati e racconta storie offrono uno spettacolo senza fine. La Koutoubia, un minareto del XII secolo alto quanto le torri di Notre Dame.
La Medersa Ben Youssef con i suoi mosaici, i suoi marmi e le sue leggi scolpite. Il sontuoso palazzo Bahia, le meravigliose tombe che accolgono i resti della dinastia Saadiane. La Menara e i giardini dell’Agdal. Il mercato dei cammelli e la passeggiata in carrozzella al tramonto in un raggio di dieci km attorno alle fortificazioni della città per ammirare i colori luccicanti dei suoi muri immersi nella luce della sera. Ad un’ora di macchina da Marrakech si trova Oukaimden che è la più bella stazione di sci del Marocco. Questa escursione può essere abbinata anche ad una visita nella vallata.
Rabat : Capitale del Marocco moderno, Rabat si presenta ai visitatori come una città ricca di alberghi e di fiori, grazie ai suoi numerosi giardini pubblici. Rabat possiede anche importanti monumenti come la Porta degli Ambasciatori e quella della Casbah degli Oudaias, testimonianze della grandezza e della potenza degli Almohades quando la città non era che una base militare chiamata Ribat al Fath o Campo della Vittoria. La città che si affaccia sull’Atlantico, possiede delle belle spiagge.
Da visitare : la torre Hassan, il grandioso minareto di un’immensa e incompleta moschea del XII secolo. Il mausoleo Mohamed V, un magnifico esempio di architettura marocchina, dove possiamo notare un eccellente uso del disegno tradizionale. Il Palazzo Reale e i suoi superbi monumenti, il Chellah con i suoi meravigliosi giardini e le sue rovine romane, l’Oudias con il suo tradizionale giardino, il suo museo dell’artigianato e il suo antico caffè moresco.
Meknes: E’ attorniata per 45 km da una tripla muraglia rinforzata da bastioni. Le proporzioni gigantesche di Meknès contrastano con l’eleganza di Rabat, la raffinatezza di Fès e il fascino voluttuoso di Marrakech. Meknès si trova sulla strada tra Marrakech e di Djebel Hebri.
Da visitare : la magnifica tomba di Moulay Ismael, le porte monumentali di Bab El mansour e Bab Ber Dain. Il palazzo di Darjamai, che adesso è museo d’Arte Marocchina. Appena fuori Meknès si trova l’importante città storica di Moulay Idriss, con le sue splendide rovine romane di Volubilis vecchie di 2.000 anni.
Casablanca: E’ la più grande città del Marocco e il suo porto principale; è quindi considerata la capitale economica, anche se la capitale ufficiale è Rabat. È stata fondata nel 1575 come “Casa Branca” (“casa bianca”) dai portoghesi. La città è servita dall’Aeroporto internazionale Mohammed V ed il suo porto è uno dei più grandi porti artificiali del mondo.
La Moschea di Hassan II è terza al mondo per dimensioni, è stata completata nel 1993. Il suo minareto è il più alto del mondo e compie anche le funzioni di faro per il porto.
Boulevard Mohammed V qui si può ammirare lo stile Mauresque, splendido connubio tra lo stile coloniale francese e quello tradizionale marocchino, ispirato all’Art Decò e nato intorno agli anni ’30: esempi di questo stile sono la Cathèdrale du Sacrè Coeur, l’Ancienne Prèfecture, la Posta Centrale e la Banque al-Magrhrib, in stile più tradizionale marocchino.
La Vecchia Medina fu costruita alla fine del 1800 in una zona in cui precedentemente esisteva solo un agglomerato di piccole abitazioni costruite da popolazioni locali dopo l’abbandono dei portoghesi del territorio..
La spiaggia di Ain Diab Casablanca è sicuramente la capitale del divertimento in Marocco. La maggior parte dei locali e dei club si trovano in questa zona che è diventata il quartiere più moderno della nazione marocchina.
Il Museo Ebraico Situato a 5 km dal centro, nel quartiere di Oasis, rappresenta la memoria ebraica nel mondo musulmano; è infatti l’unico museo ebraico presente in qualsiasi paese di relisione islamica